Ben 17 anni fa Santiago Calatrava, uno degli architetti più famosi al mondo, fece visita a Cosenza e ne rimase completamente affascinato, tanto da voler progettare un nuovissimo ponte che attraversasse il fiume Crati. Sembra l’inizio di una favola, e per certi versi la storia di questo ponte sembra proprio uscita dalla penna di qualche scrittore. Nel 2000 fu indetto un concorso pubblico, che nell’entusiasmo e nello stupore generale fu vinto dall’archistar spagnolo. I lavori sono stati assegnati solamente nel 2008, e sono stati caratterizzati sia dai classici rallentamenti burocratici che da una mancanza di fondi.

A complicare il tutto sono iniziati dei processi, ancora in corso, sulla presunta bonifica della discarica che insiste nell’area del cantiere, e sulla baraccopoli sulla sponda destra del fiume Crati, che non si sa come e quando verrà sgomberata. Ma come ogni favola che si rispetti questo autunno arriverà il momento del lieto fine, quando l’opera sarà ufficialmente conclusa.

L’antenna più alta d’Europa

Ponte di Calatrava a Cosenza, l'antenna più alta d'Europa
quotidianodelsud.it

Domenica 23 luglio 2017 è stata alzata la gigantesca antenna che diventerà il simbolo del ponte, ma che rappresenta ovviamente il fulcro strutturale di questo progetto. In accordo con lo stile di Calatrava l’antenna, che ricorda come forma un’arpa gigantesca, è inclinata per evidenziare la tensione dei cavi e lo slancio verso l’alto della struttura, e da essa partiranno i cavi che sosterranno l’impalcato. Il ponte infatti sarà di tipo strallato, di cui abbiamo già approfondito gli aspetti tecnici in questo articolo (Ponti strallati e come studiarli)

L’antenna pesa 800 tonnellate ed è stata assemblata saldando insieme 12 conci. Con un’altezza di 104 metri e un’inclinazione di 51 gradi, l’antenna del ponte di Calatrava diventerà la più alta d’Europa nel genere strallato. Il ponte invece sarà lungo 140 metri e avrà un’altezza massima dell’impalcato di 82. Il ponte è costato 13,5 milioni di euro ma l’intera opera, comprese le rampe di raccordo con la viabilità esistente, è costata circa 20 milioni di euro, sforando di oltre 3 milioni il costo iniziale a causa dei cedimenti indotti sul terreno per il carico eccessivo che hanno portato all’aumento del costo complessivo.

In questo video è possibile vedere un timelapse del sollevamento dell’antenna realizzato il 23 luglio scorso. In questi mesi avranno luogo gli ultimi lavori: il concio di base sarà saldato al ponte, verranno montati gli stralli, sarà completato il getto della soletta, montate le pavimentazioni e gli arredi e ultimate le finiture.

Questa infrastruttura si inserisce all’interno di un programma urbanistico voluto dalla città di Cosenza, che si classifica undicesima su 104 città italiane per il suo ecosistema urbano, e prima per punteggio fra tutte le città dell’Italia meridionale. Un progetto di riqualificazione e valorizzazione delle periferie fortemente voluto dai sindaci del Sud Italia, come testimonia anche l’inaugurazione del Ponte dell’Asse Nord-Sud di Bari di cui abbiamo parlato qualche mese fa. Queste le parole del Sindaco di Cosenza Mario Occhiuto

“L’obiettivo è aumentare la fruibilità, il benessere dei nostri cittadini e la qualità di vita. La città è fonte di ricchezza e deve produrre lavoro per i nostri giovani. Questi sono gli obiettivi che muovono i nostri progetti”

L’opera sarà inaugurata in autunno ed è prevista la presenza di Calatrava in persona.

LASCIA UN COMMENTO